Accesso ai servizi

PESTE SUINA



PESTE SUINA



Nel confermare tutte le previsioni già adottate daldecreto n.3/2022 del 12 gennaio, il nuovo provvedimento prevede l'estensione geografica della zona di controllo dell'infezione ai Comuni compresi nel raggio di 10 km dalla zona infetta, andando così ad interessare i Comuni delle province di Asti, Cuneo ed Alessandria ricompresi in tale raggio.


Nel territorio di questi Comuni viene disposto il divieto di qualsiasi tipo di attività venatoria e di gestione faunistica e la regolamentazione dell'attività agro-silvo-pastorale che deve essere sottoposta al preventivo parere positivo del Servizio Veterinario della ASL competente per territorio.


Le misure saranno aggiornate in funzione dell'evolversi della situazione epidemiologica. L'ordinanza resterà comunque in vigore fino al 30 aprile 2022.


I Comuni interessati dall’ordinanza, perché compresi nell’area di 10 km confinante con la Zona Infetta, sono:


In provincia di Alessandria: Alessandria, Alice Bel Colle, Bergamasco, Berzano di Tortona, Bistagno, Borgoratto Alessandrino, Bosco Marengo, Carbonara Scrivia, Carentino, Casal Cermelli, Casalnoceto, Casasco, Castellar Guidobono, Castellazzo Bormida, Castelletto d’Erro, Castelspina, Cerreto Grue, Denice, Frascaro, Frugarolo, Gamalero, Masio, Merana, Momperone, Monleale, Montechiaro d’Acqui, Montegioco, Montemarzino, Oviglio, Paderna, Pontecurone, Ponti, Pozzol Groppo, Pozzolo Formigaro, Sarezzano, Spigno Monferrato, Spineto Scrivia, Terzo, Tortona, Viguzzolo, Villaromagnano, Volpedo, Volpeglino.


In provincia di Asti: Bruno, Bubbio, Calamandrana, Canelli, Cassinasco, Castel Boglione, Castel Rocchero, Castelletto Molina, Castelnuovo Belbo, Cessole, Fontanile, Incisa Scapaccino, Loazzolo, Maranzana, Mombaldone, Mombaruzzo, Monastero Bormida, Montabone, Nizza Monferrato, Olmo Gentile, Quaranti, Roccaverano, Rocchetta Palafea, San Giorgio Scarampi, San Marzano Oliveto, Serole, Sessame, Vaglio Serra,Vesime.


In provincia di Cuneo: Perletto, Pezzolo Valle Uzzone.



Cos'è la Psa


La Peste suina africana è una malattia infettiva altamente contagiosa, tipicamente emorragica, causata da un virus appartenente al genere Asfivirus che colpisce solo i suidi domestici e selvatici causando un’elevata mortalità. Non si trasmette all’uomo, quindi non ci sono rischi per la popolazione. Il virus è molto stabile, rimane infettante per diverse settimane anche nelle carcasse abbandonate sul territorio viene inattivato solo dalla cottura e da specifici disinfettanti.




Avviso ai cittadini
Nella vicina provincia di Alessandria è stata individuata una carcassa di cinghiale affetta da peste suina. La peste suina non si trasmette all'uomo, ma è estremamente pericolosa per maiali e cinghiali e se si diffondesse anche agli allevamenti domestici creerebbe un danno economico ingentissimo.

Il servizio veterinario dell'Asl AT ha quindi chiesto di effettuare un attento monitoraggio del territorio per individuare eventuali carcasse di cinghiali morti. Chiedo pertanto a tutti e in particolare a chi è normalmente abituato a girare nei boschi e nelle campagne (cacciatori, trifulau, agricoltori, escursionisti) di porre particolare attenzione e, se si individua una carcassa di cinghiale, di avvisare subito il Comune o il Servizio Veternario ASL che provvederà immediatamente alla analisi e alla distruzione. Non toccate l'animale morto, non spargetene ossa o carni perché la peste suina resta a lungo nei corpi degli animali contagiati e si diffonde in modo velocissimo.

Il monitoraggio è essenziale per circoscrivere questo contagio che, ripeto, è innocuo per le persone ma potrebbe avere conseguenze economiche pesanti.

Parimenti tutti gli agricoltori che allevano suini per la vendita o per consumo personale pongano estrema attenzione a che non vengano in contatto con eventuali possibilità di contagio dall'esterno, se allevati in modo semibrado realizzino un secondo recinto per creare una fascia cuscinetto e se allevati in stalla verifichino che non vi siano contatti di alcun genere.

 Grazie per la collaborazione. - Il Sindaco Tealdo Pierangela


Collegamenti:
Pesta suina

Documenti allegati: